Norme tecniche per le costruzioni: a breve si assisterà ad un profondo mutamento per quanto riguarda il settore del calcolo strutturale e delle costruzioni in generale

norme-tecniche-costruzioni

Il 2016 sarà molto probabilmente un anno di svolta per il settore della progettazione e del calcolo strutturale in Italia.

Secondo molti esperti del settore, infatti, proprio nel 2016 saranno pubblicate le nuove norme tecniche per le costruzioni che sostituiranno le precedenti NTC del 2008 (DM 14 gennaio 2008).

Ricordiamo infatti che lo scorso 14 novembre 2014 l’Assemblea del CSLP (Consiglio superiore dei lavori pubblici), organo tecnico del Ministero delle Infrastrutture, ha approvato a maggioranza l’aggiornamento delle NTC del 2008.

Il documento approvato dal Consiglio superiore dei lavori pubblici dovrà ora passare in Conferenza Stato-Regioni per poi confluire in un decreto interministeriale, redatto dal Ministero delle Infrastrutture, da quello degli Interni e dal Dipartimento della Protezione civile. Poi sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale e sostituirà le NTC 2008.

Nuove norme tecniche per le costruzioni e circolare esplicativa

Nell’arco del 2016, presumibilmente, avverrà la pubblicazione sia delle nuove norme tecniche per le costruzioni che la circolare esplicativa, che farà da supporto al testo.

Intanto la nuova circolare esplicativa è già in fase di analisi da parte di gruppi di studio: essa avrà lo scopo di fornire chiarimenti, interpretazioni e approfondimenti sulle disposizioni contenute nelle NTC, senza ovviamente modificare i contenuti principali.

Nuove norme tecniche per le costruzioni e Appendici nazionali agli Eurocodici

Le NTC 2008 stabilivano che, per quanto non espressamente specificato nella stessa norma, si può far riferimento a normative di comprovata validità, come ad esempio gli Eurocodici con gli annessi parametri nazionali (Appendici).

La stessa circolare n. 617 del 2 febbraio 2009, conferma che gli Eurocodici Strutturali pubblicati dal CEN costituiscono un importante riferimento per l’applicazione delle nuove norme tecniche.

Per l’utilizzo compiuto degli Eurocodici è quindi necessario far riferimento alle Appendici contenenti i “parametri nazionali” che definiscono i livelli di sicurezza delle opere di competenza degli Stati membri.

Con il D.M. 31 luglio 2012 sono state pubblicate le Appendici nazionali contenenti i parametri tecnici per l’applicazione degli Eurocodici.

Ricordiamo brevemente i vari Eurocodici strutturali e gli aspetti trattati da ciascuno di essi:

  • Eurocodice 0: metodi semiprobabilistici agli stati limite, combinazioni di carico, fattori di sicurezza
  • Eurocodice 1: azioni sulle strutture
  • Eurocodice 2: strutture in calcestruzzo non armato, armato e precompresso
  • Eurocodice 3: strutture in acciaio
  • Eurocodice 4: strutture miste acciaio-calcestruzzo
  • Eurocodice 5: opere in legno strutturale
  • Eurocodice 6: strutture in muratura portante
  • Eurocodice 7: geotecnica (fondazioni, muri di sostegno, etc.)
  • Eurocodice 8: progettazione sismica
  • Eurocodice 9: strutture in alluminio

Occorrerà quindi aggiornare anche le Appendici nazionali, che nella versione attuale sono riferite alle NTC 2008. Sarà necessario quindi adeguare i parametri nazionali alle nuove norme tecniche per le costruzioni.

Presumibilmente, nel corso del 2016 avverrà anche la pubblicazione delle Appendici nazionali agli Eurocodici.